venerdì 24 agosto 2007

"Korazym" parla di noi

by ApocalypseNow

Garlasco: la cronaca e lo spettacolo

Ringraziamenti e accuse ai mezzi di comunicazione per il modo di trattare l’omicidio della giovane Chiara: copertine e prime pagine, parenti e fidanzati, foto e fotomontaggi. Ma al peggio non c’è limite, e quando la cronaca diventa show...

Il confine fra la cronaca giudiziaria e lo spettacolo, si sa, è sempre stato labile. I grandi delitti dell’Italia del dopoguerra hanno appassionato il paese, dividendolo fra innocentisti e colpevolisti, tutti intenti a esprimere giudizi e supposizioni, ipotesi e certezze, sui movimenti di assassini, vittime, indagati e semplici testimoni. Quanto sta avvenendo in questi giorni intorno all’omicidio della giovane Chiara Poggi, ventisei anni, uccisa il 13 agosto nella sua abitazione di Garlasco, in provincia di Pavia. In dieci giorni si è assistito ai dubbi degli inquirenti, al protagonismo di alcuni familiari, al dolore composto di alcuni altri, e al tentativo, da parte dei mass media, di raccontare al meglio i risvolti della vicenda e i ritratti delle persone coinvolte. Hanno spopolato le foto a tutta pagina del fidanzato della vittima (al momento in cui scriviamo unico indagato) insieme ai genitori di Chiara nel giorno dei funerali, e spopolano ora anche le due cugine della giovane vittima, Paola e Stefania Cappa, addirittura al centro di un “caso” riguardo al fotomontaggio (raffigurante le tre giovani sorridenti) pubblicato dal settimanale “Oggi”.

Le due giovani attaccano i mezzi di comunicazione parlando di “malevolenza” per il clamore creato intorno a loro; diverso l’atteggiamento dei genitori di Chiara, che esprimendo fiducia nel lavoro dei magistrati, ringraziano anche gli organi di informazione per aver dimostrato attenzione e solidarietà per la tragica vicenda che li ha colpiti. Certamente, le opinioni in merito possono essere le più disparate, ma ci pare che l’atteggiamento di quei mezzi di comunicazione che hanno posto Alberto, il fidanzato della vittima, al centro di un interesse spasmodico, suggerendo con tutti i mezzi leciti (le grandi foto, i primi piani, le sottigliezze, le ambiguità, i sottintesi) un suo coinvolgimento nel delitto, non possano essere bollate come esempio canonico di buon diritto di cronaca. Diritto che dovrebbe interessarsi dei fatti, e registrarli, piuttosto che suggerire o addirittura creare piste e nuove ipotesi di lavoro.

Ma ad onor del vero l’insistenza di alcune testate giornalistiche impallidisce di fronte all’aperta sfacciataggine delle agenzie di comunicazione – quella di mister Corona in testa, lui stesso avvistato nel paese – per accaparrarsi l’esclusiva della storia, qualunque essa sia, comunque essa si sviluppi. E ancor di più di fronte allo sberleffo che corre sul web, dove le gemelle Cappa vengono mostrate, nel fotomontaggio, in compagnia di improbabili personaggi, da Harry Potter ai protagonisti di Guerre Stellari, passando per Gesù o per Mussolini, e con didascalie e commenti che sfiorano la ferocia.

La vicenda di Garlasco ha superato i confini del fatto di cronaca per assurgere a vero e proprio evento, e come in uno show tutti attendono di scoprire il finale, ipotizzando e immaginando il verosimile e l’inverosimile. In uno show di questo genere tutto deve essere scritto, e non importa come e dove: non ci sono al riguardo regole prestabilite, e il rispetto delle indagini non fa parte dei canoni previsti da questo mondo. Avere un finale – qualunque esso sia – e in tempi ragionevoli, affinché il giallo non “stanchi”, è più importante dell’accertamento della verità. Che talvolta ha tempi poco compatibili con le esigenze dello spettacolo. Ognuno fa il suo mestiere, naturalmente. Ma nessuno si dispiaccia se di fronte a tutto questo il tifo va a chi deve assicurare alla giustizia un assassino. Quello vero.
24 agosto 2007

Questa la fonte

6 commenti:

Darkpiper ha detto...

Questi fotomontaggi sono terribilmente trash... Non saprei proprio a chi dare le colpe del caso, ma ricordiamoci che in mezzo a tutto questo è morta una ragazza giovane.

ApocalypseNow ha detto...

che se non erro non è coinvolta nel photoshop contest

inoltre tra i vari lavori alcuni sono fatti veramente bene, il problema è che non siamo qua per dimostrare le magie di photoshop ma per divertirci e, allo stesso tempo, criticare il comportamento delle gemelle

Marco ha detto...

buonisti ftw..?

Aresio ha detto...

a noi interessa una sola colpa in questo contest: il becero, cinico arrivismo.

Anonimo ha detto...

apocalyssenow ,ma alla fine di ridere e punire a te non te ne frega niente volevi il tuo momento di notorieta ,bene adesso falla finita .mi viene spoantanea una domanda,ma la tua coscienza ti fa dormire alla notte ?
sei peggio di tutti messi assieme ,non hai avuto nemmeno un po di rispetto per il dolore di queste persone.
io sono una mamma e non so immaginare dolore piu'grande e aver visto questo sito mi ha stretto il cuore ,come si puo ridere e scherzare di famiglie che hanno appena subito una perdita .
VERGOGNATI

Anonimo ha detto...

Il ricordo di chiara sarà sempre nel cuore dei suoi genitori ma il ricordo di quel primo fotomontaggio fatto dalle cugine rimarra indelebile nella mente di tutti come una delle cose più macabre ed ignobili mai fatte. come si dice parenti serpenti e da ora in poi cugine...infamine